Anna F. – Too Far – Testo e traduzione

annafToo Far è il nuovo singolo della cantante austriaca Anna F., che ha avuto un grandissimo successo radiofonico con il pezzo DNA, e che ha lanciato il suo disco, King in the mirror, nell’aprile 2014.

Too Far è il terzo singolo estratto da questo album, ce la farà ad eguagliare il successo del primo pezzo? Staremo a vedere.

Intanto eccovi il testo e la traduzione di Too Far.

 

Testo – Too Far

You and I under different stars
you dream a lot
and I keep chasing the past
to remind you of who we are,
you’ve been gone
for a while
in a distance another time
when you lay with me
in the stillness of night
I’m there where we used to be calling out,
calling out

Lay down, lay down on my shoulder, take me to the water,
lets not talk it over
We’re islands in an ocean, silences are broken,
lay down on my shoulder as if we were still closer
but we’re too far, drifting too far
but we’re too far, drifting too far

Feel the rush of my secret heart,
forgive the light was the call of the dark
can you hear what I never said, that I need what you are
Take a minute and look around, take a look we’re all alone
you can never cut me out, don’t look away now
Take a minute and look around, been away for too long, for too long

Lay down, lay down on my shoulder, take me to the water,
let’s not talk it over
We’re islands in an ocean, silences are broken,
lay down on my shoulder as if we were still closer
but we’re too far, drifting too far
but we’re too far, drifting too far

In a night under strange stars, been awake for too long
I’m wondering where you are, how did we go wrong
you and I see the same stars, been awake for too long, for too long

Lay down, lay down on my shoulder, take me to the water,
let’s not talk it over
We’re islands in an ocean, silences are broken,
lay down on my shoulder as if we were still closer
but we’re too far, drifting too far
but we’re too far, drifting too far

Traduzione

Tu ed io, nati sotto stelle diverse
tu sogni tantissimo
ed io continuo a rincorrere il passato
per ricordarti chi siamo
tu te ne sei andato per un po’
distante, ancora una volta
quando te ne stai qui disteso con me
nella quiete della notte
sono lì dove eravamo soliti chiamarci

appoggiati, appoggiati sulla mia spalla
portami verso l’acqua, non parliamone più
siamo isole in un oceano
i silenzi sono stati ormai spezzati
appoggiati sulla mia spalla
come se fossimo ancora più vicini
ma siamo troppo lontani, siamo andati alla deriva
ma siamo troppo lontani, siamo andati alla deriva

sento la fretta del mio cuore segreto
perdonare le luci, che erano il richiamo del buio
riesci a sentire quel che non ho mai detto?
che ho bisogno di quello che sei
prenditi un minuto e guardati intorno
dà uno sguardo in giro: siamo soli
non potrai mai tagliarmi fuori dalla tua vita
non guardare altrove, adesso
prenditi un minuto e guardati intorno
sei stato via per troppo tempo, per troppo tempo

appoggiati, appoggiati sulla mia spalla
portami verso l’acqua, non parliamone più
siamo isole in un oceano
i silenzi sono stati ormai spezzati
appoggiati sulla mia spalla
come se fossimo ancora più vicini
ma siamo troppo lontani, siamo andati alla deriva
ma siamo troppo lontani, siamo andati alla deriva

una notte, sotto strane stelle
sono rimasta sveglia troppo a lungo
mi chiedo dove tu sia, cosa abbiamo sbagliato
tu ed io vediamo le stesse stelle
sono rimasta sveglia troppo a lungo, troppo a lungo

appoggiati, appoggiati sulla mia spalla
portami verso l’acqua, non parliamone più
siamo isole in un oceano
i silenzi sono stati ormai spezzati
appoggiati sulla mia spalla
come se fossimo ancora più vicini
ma siamo troppo lontani, siamo andati alla deriva
ma siamo troppo lontani, siamo andati alla deriva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>