Antonio Maggio – L’Equazione – Testo e traduzione

antonio-maggioSi intitola L’Equazione il nuovo singolo di Antonio Maggio che anticipa l’omonimo album atteso per il 13 maggio, e che sarà il secondo progetto di inediti dell’artista da solista.

Antonio Maggio ha infatti trionfato nella prima edizione del talent X Factor, con il gruppo vocale degli Aram Quartet, e ha poi intrapreso la carriera solista presentandosi al Festival di Sanremo e vincendo nella categoria delle nuove proposte, con il singolo Mi Servirebbe Sapere, dall’album di debutto Nonostante Tutto. Di seguito il testo di L’Equazione.

Testo – L’Equazione

Tempo di rivoluzione questo tempo sotto scatola
questi tempi del progresso con i Papi che non reggono
Gesù Cristo sulla croce con i chiodi nella mano,
gli occhi verso un cielo ladro
ha detto: “lo continuo”
Questo è il tempo degli schemi, del rossetto a 12 anni
l’obiettivo di arrivare non dà tregua ai nostri polsi
dei cantanti americani con il Do di petto facile
questo è il tempo di decidere da che parte stare

Sono l’equazione che mai ti riesce
chiodo schiaccia chiodo quando l’occhio non vede
questo è il tempo dei tanti, in cui già parlano in troppi
tu vieni con me, vieni con me
tu vieni con me, vieni con me

Questo è il tempo di ballare, quello della cassa in 4,
questi tempo molto tecno, molto tecno e poco logici
dei castelli sulla luna, di chi sogna senza muoversi
tanto i sogni te li vendono in TV
e a chi dice di voler lottare per cambiare il Mondo
la perso voce nei call center e chi agli studi ad alto costo
n un pensiero che marcisce tra persone che non lottano
questa notte ti verrò a cercare, ti dirò: “Ti voglio”

Sono l’equazione che mai ti riesce
chiodo schiaccia chiodo quando l’occhio non vede
questo è il tempo dei tanti, in cui già parlano in troppi
tu vieni con me, vieni con me
Sono l’equazione che mai ti riesce
dove batte il sole sempre l’occhio non vede
questo è il tempo dei matti, in cui ci perdono in troppi
tu vieni con me, vieni con me

E tra i miliardi di eccezioni che puoi calcolare,
in questo tempo nuovo estremamente materiale
c’è quell’incognita che non puoi prevedere
ma puoi risolvere
Sono l’equazione che mai ti riesce
chiodo schiaccia chiodo quando l’occhio non vede
questo è il tempo dei tanti, in cui già parlano in troppi

Sono l’equazione che mai ti riesce
dove batte il sole sempre l’occhio non vede
questo è il tempo dei matti, in cui ci perdono in troppi
tu vieni con me, vieni con me
tu vieni con me, vieni con me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>