Asaf Avidan – Love it or leave it – Testo e traduzione

asaf avidanDifficile per il musicista israeliano Asaf Avidan bissare il successo mondiale ottenuto con One day/Reckoning Song. Ma lui ci prova e mette in campo tutti i suoi talenti.

Un nuovo singolo, Love it or leave it, estratto dal suo ultimo album Different pulses, è uscito in questi giorni e l’obiettivo è quello di riuscire di nuovo a scalare le classifiche con l’ausilio del suo strumento migliore, la sua voce. Singolo acustico e di ottima fattura, vede il musicista impegnato anche come regista del particolarissimo video.

Testo – Love it or leave it

Long are the days
When you’re turning away
From the reasons you strung
Long is the way
When you’re aching to say
But your teeth bite your tongue

Loud is the wind
In your ears as you spin
As you look for the sun
Loud are the skies
As you thunder your cries
When your prayers are sung

Hard is the floor
As the waves pound the shore
Of your wounds
Roll up your sleeve
It’s hard to believe
But it’s you

Love it or leave it
Love it or leave it
Love it or leave it
Love it or leave it
You got to believe it

My oh my! It hurts sometimes
My oh my! It hurts sometimes
I think I’m running out of time
Before I’m gonna lose my mind

Slow is the night
When you reach for the light
But the Dark lingers on
Slow is the bite
Of the words that you write
When it’s finally dawn

How can you swim
When the waters are streaming
In you
Roll up your sleeve
Now love it or leave it
It’s you

Love it or leave it
You got to believe it

My oh my! It hurts sometimes
My oh my! It hurts sometimes
I think I’m running out of time
Before I’m gonna lose my mind

Traduzione

Sono lontani i giorni
Quando hai voltato le spalle
alle ragioni cui ti appellavi
Lontano è il modo
quando ti faceva male dirlo
ma i denti mordevano la lingua

Rumoroso è il vento
nelle tue orecchie mentre giri in tondo
Mentre cerchi il sole
Rumorosi sono i cieli
mentre il tuo pianto tuona
e canti le tue preghiere

Duro il pavimento
quando le onde toccano la sponda
delle tue ferite
Tirati su le maniche
è difficile crederlo
ma sei tu

amalo o lascialo
amalo o lascialo
amalo o lascialo
amalo o lascialo
devi crederci

oh mio dio! fa male qualche volta
oh mio dio! fa male qualche volta
credo di star finendo il mio tempo
prima che perda la testa

Lenta è la notte
quando cerchi la luce
ma l’oscurità dura ancora
Lento è il morso
delle parole che scrivi
quando finalmente arriva l’aurora

Come fai a nuotare
Quando le acque scorrono
dentro di te
tirati su le maniche
adesso amalo o lascialo
Sei tu

Amalo o lascialo
devi crederci

oh mio dio! fa male qualche volta
oh mio dio! fa male qualche volta
credo di star finendo il mio tempo
prima che perda la testa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>