Clementino – Profumo di strada – Testo

 Profumo di strada è uno dei pezzi contenuti nel nuovo album di Clementino, dal titolo Miracolo!.

Il disco è uscito il 28 aprile e contiene molte interessanti collaborazioni come quella con Pino Daniele, Alessandro Siani, Guè Pequeno, Fabri Fibra, James Senese, Salmo e Gemitaiz & Madman.

Di seguito il testo di Profumo di strada.

Testo – Profumo di strada

E ‘a strada ca c’ha ‘mparato pe fa musica,
e ‘a fiamma c’ha appicciato stu stil cafard.
Profum’ e strada ca me port è l’unic,
scantinat, sal’e giochi che stecche ‘e bigliard.
Ce parl aret e, pecchè stamm tropp annanz,
tuccamm a met e, ‘o mar arriv ‘ngopp a panz.
Mentalità terrona min’t arap’n ‘e danz,
abball ‘o piscator, o sound c’o cap paranz.
‘O rendez-vuos street ex port ammisc e cart,
saliern e nap’l c’o best port cartin e part.
A quatt ‘e nuje stamm ‘a sent’r mo chiurit a stanz,
a diec ‘e vuje ‘ngopp a facebook chiurit a chat.
‘Ngopp ‘o beat ‘o lungomar, eccezional cor’ man,
fratellanz, personal, enzo prad, (PRADA).
Ra Nola a telecolor, riunit fra a na passion,
cu nu sfaccimm ‘e mutor, ma nun te firm a sanzion.
Dario, Ciro e TY1, Fabio, Murio e Kabul,
‘ngopp o beat e Tonin, master music ‘o studio.
E mo pazziamm a stu juoc, comm a Hey man,
e te stutamm ‘o microf’n e sgamm ‘o playback.
E ‘a strada ca c’ha ‘mparato pe fa musica,
e ‘a fiamma c’ha appicciato stu stil cafard.
Profum’ e strada ca me port è l’unic,
scantinat, sal’e giochi che stecche ‘e bigliard.
Crisciuto miezz’a vì ca’ sott ‘a terr tremm,
e tu nun può, capì si nun staje miezz ‘a guerr.
E’ not ind’a savana, pe capì,
e’ not ind’a savana, pe fuì.
Io ve steng, shive slang,
sta ricc, t’accatt e te veng.
Viecchio che jett, nuov che apprend,
uocchie che rrecchie,
quando vec ca nun è semp maletiemp,
ind ‘a sta guerr fatt ‘e lengue a serpient.
Tra salett e tarantell ca n’te port’n a nient,
pe nu beat capostipit ca se magn stu ben,
comm a extreme, bang bang.
‘O stil nun se venn, r’o primm mument,
scrivatell ‘mpietto si ancora nun stai capenn.
Qua brò, qua my friend, ‘e frat gia ‘e teng e me ferm,
appiccio stu stereo, stuta stu scherm,
e miettece nu poc ‘e sentiment.
Chi è pront a se mett’r a 90, sul pe vant,
e quand po è fernut se ne scenn,
appartengo a ciert ambient,
nun saccio e meccanism e l’esergenz,
nun saccio manc a chi te sient.
Saccio ca è a passion ca divent,
nu cor a’ vot affrant, affront, st’ammore travolgent.
E ‘a strada ca c’ha ‘mparato pe fa musica,
e ‘a fiamma c’ha appicciato stu stil cafard.
Profum’ e strada ca me port è l’unic,
scantinat, sal’e giochi che stecche ‘e bigliard.
Crisciuto miezz’a vì ca’ sott ‘a terr tremm,
e tu nun può, capì si nun staje miezz ‘a guerr.
E’ not ind’a savana, pe capì,
e’ not ind’a savana, pe fuì.
Qua tutto partì, quand’o puort ringrazia a Marì,
quand ‘o lasse cummanna po, ma no pe cumpagn mì.
‘Nu freestyle aropp ‘o joyd, e na birr semp apert,
venuto su, fra sti bastard, fra stecch’e bigliard e rap.
Sulla track con l’hi tech, fest al mic, total black,
cresciuto con Cypress Hill, Sean Price tu connect.
Ua fra sto ‘a suggett, dalle note di un fucile,
al mi minore, al minorile, col timore di morire.
L’hip hop ha un codice, e non vale per chi è vile,
rispetto a chi spacca sempre, unire chi ha stile.
Per un cafardo certe star sono star, come dado,
Clementino è benvenuto e viene qui, e chiude il quadro.
Patto MC, dall’asfalto allo stereo,
al primo che mi ha reso serio,
al secondo più sincero, più sfacciato.
‘E frat ‘e teng annanz, aret teng ‘e ‘nfam,
ca ce truov ammor, pe famigl, amici, music e catram.
Crisciuto miezz’a vì ca’ sott ‘a terr tremm,
e tu nun può, capì si nun staje miezz ‘a guerr.
E’ not ind’a savana, pe capì,
e’ not ind’a savana, pe fuì.
Stong’ che livid, brivid, a vit e vivit i limit,
a vic e stimoli, si cic’l, ne bivt, intuit to’ fa.
Sto chin ‘e spirit, fid’t, l’irid, è nitid, fisic e vicoli, f’o brà.
Dint’ ‘e vellic’l, bref, comm ‘e furmicole, check,
che mullic’l cert, ua, che dic tu ricic’l, ric tricic’l, immatric’l,
strit’l, testic’l, stip’l, nsip’t, st’ibrid, ridic’l a mic’n,
ric’n r’ess’r atipic, fing’n r’ess’r vecchi, felic’n sta gent.
Sping’n ha vulut, sping’l ‘e vellut, sing’l tauto, briciol’ e c’o fuoc,
Morfù, stu veic’l, sis’l si siz’l, pis’l, stir, dimm missil r’o background.
‘O tiemp è cinic, gir’o vellicol, ca l’aria è rigid,
ma lipid è l’eccett, rest na leggend, jet frà.
E ‘a strada ca c’ha ‘mparato pe fa musica,
e ‘a fiamma c’ha appicciato stu stil cafard.
Profum’ e strada ca me port è l’unic,
scantinat, sal’e giochi che stecche ‘e bigliard.
Crisciuto miezz’a vì ca’ sott ‘a terr tremm,
e tu nun può, capì si nun staje miezz ‘a guerr.
E’ not ind’a savana, pe capì,
e’ not ind’a savana, pe fuì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>