Clementino – Strade Superstar – Testo

 Strade Superstar è uno dei pezzi contenuti nel nuovo album di Clementino, dal titolo Miracolo!.

Il disco è uscito il 28 aprile e contiene molte interessanti collaborazioni come quella con Pino Daniele, Alessandro Siani, Guè Pequeno, Fabri Fibra, James Senese, Salmo e Gemitaiz & Madman.

Di seguito il testo di Strade Superstar.

Testo – Strade Superstar

Da quanto tempo ci conosciamo, sembra ieri
pistole ad acqua, cannoni come bersaglieri
progettando delle note al profumo di jazz
nelle bustine come bombole, fuga di gas
appartati sempre nelle peggio situazioni
senza capì nient, sott effett capatoni
le luci dei lampioni, panchine nei rioni
e chi combatte ancora adesso signore e signori
Dai ruderi del sud Italia e gare di freestyle
fin sopra al nord magica iena segna per noi
dicevano i ragazzi dei palazzi negli studi di tatuaggi
dentro i club di quartieri quelli marci
ma sto tempo adesso mi cancella le ferite
se penso a me stesso mi stresso e dentro è dinamite
e voi non mi capite
e fumo criptonite, dal basso risalire
Nelle strade superstar
la mia musica nei bar
e anche se abbiamo un’età
ancora una lacrima
da Napoli a Myanmar
E t’o faccio fin a quand
Il sipario poi qui calerà con la gente che grida
(Ancora adesso)
Da vivaci diventare poveri timidi
iniziare a riconoscere i propri limiti
una vita a fare il rap, il rap a salvarmi la vita
come spray senza fat cap e senza dita
a sto giro fratellino si punta più in alto
come reti di sto bomber di punta e di tacco
il riscatto di questa città che sta affondando
e distratto dalla società che sta affogando
Qualche amico è rimasto e qualcuno è partito
una fila di pazzi girava nel vicolo
io sorrido perché è da qui che tutto è iniziato
scavalcavo il cancello e non ero autorizzato
dedicato a chi sta sempre con me
ra matin dice chissà mo comm cazz s scet o bè
so semp Maccaro clemente paccr in aument
sound ca spavent ngopp o beat e dint all’impiant
Nelle strade superstar
la mia musica nei bar
e anche se abbiamo un’età
ancora una lacrima
da Napoli a Myanmar
E t’o faccio fin a quand
Il sipario poi qui calerà con la gente che grida
Dedicat e frate mi ca stann sempr chiu vicin
dint ‘e moment de difficoltà
So asciut a sta malattia ca m’a mannat miezz a via
magg sctat’ e mo c’amma salvat
e scrivenn ncopp e beat e sott’e rrime
ro 99, 6 Clemente yeah no’ one
o core in mano a mammà, pe patm ca sta cca
tutte ‘e guagliune ca me vonn sentere ‘e cantà
Dalla tana tritolo ca si me fann n’ato
stat senza pensier comm a chi è derivat
o vir o sud Italia, frà mo ce l’amm pigliat
amm trasut prepotentemente a carrarmat
Ci troveremo come rap star
a bere delle birre con zio Sal
sempre fianc a fianc int’o ben e int’o mal
quann’arriv a band vuje ancora zumpat e cantat
Nelle strade superstar
la mia musica nei bar
e anche se abbiamo un’età
ancora una lacrima
da Napoli a Myanmar
E t’o faccio fin a quand
Il sipario poi qui calerà con la gente che grida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>