Clementino – Voceanima – Testo

clementino rapperVoceanima è uno dei pezzi contenuti nel nuovo album di Clementino, dal titolo Miracolo!.

Il disco è uscito il 28 aprile e contiene molte interessanti collaborazioni come quella con Pino Daniele, Alessandro Siani, Guè Pequeno, Fabri Fibra, James Senese, Salmo e Gemitaiz & Madman.

Di seguito il testo di Voceanima.

Testo – Voceanima

Quand u’tiemp n’aspett
Vuless’ stà aller almen nu mument’
Quand u’tiemp n’aspett
Vuless’ stà aller almen nu mument’
Ma quanto male farmi
Io cerco di scordarti
Cerco di disprezzarti
Ma metto via le armi
Artigli già rientrati
I denti non sporgenti
Quanti finti interventi
Quanti ripensamenti
Le notti più crudeli
I tempi sono quelli
Ma quanti sbandamenti
Questi respiri freddi
E adesso che t’inventi?
Tutte le uscite insieme?
E molti sfilamenti
Questi destini incerti
Come mi trovi cambiato?
Ora dimmi in fretta
Mi gira strana sta vita
Bastarda che disterta
Lo fa per cambiare il mondo
Eppure si fallisce
Magari ha perso qualcosa
E più non ci riesce
Apro gli occhi per vedere il mondo diverso da ieri
Un viaggio in prospettiva
I miei pensieri, i misteri
Mina vagante sono per gli amici sinceri
Una promessa fatta, per sempre come meriti
Quelle volte che sei lontana, la tua voce nell’anima
La mia mano in auto la marcia ingrana, tra le mie canzoni e la marijuana
Chissà se proprio adesso tu mi starai ascoltando
Che sei a mille miglia da dove io sto cantando
Come quelle volte che sei lontana
La tua voce nell’anima
Chissà se proprio adesso tu mi starai ascoltando
Che sei a mille miglia da dove io sto cantando
La mia mano in auto la marcia ingrana, tra le mie canzoni e la marijuana
Il resto tutto bene
Cara amica ti scrivo
Tu sei la giù adesso il mondo ci è crollato addosso
Spostami il palo in sesto
Danze, tribali e penso
Tutti i tuoi lati nascosti sotto il cappotto rosso
Cammino a più non posso
Voglio cercare le orme bagnate dei tuoi passi vorrei averti tutta adesso
Nuda sul letto, due cannette, eppure solo un sorso
Di quello che ci manda fuori
Il tempo di un morso
Eppure in questo mestiere ci si ritrova soli
Tra le corrieri, macchine, ti sposti, navi e voli
Il mio respiro grande di tutta la giornata
La mia rivincita sei tu, nuova puntata
Quelle volte che sei lontana, la tua voce nell’anima
La mia mano in auto la marcia ingrana, tra le mie canzoni e la marijuana
Chissà se proprio adesso tu mi starai ascoltando
Che sei a mille miglia da dove io sto cantando
Come quelle volte che sei lontana
La tua voce nell’anima
Chissà se proprio adesso tu mi starai ascoltando
Che sei a mille miglia da dove io sto cantando
La mia mano in auto la marcia ingrana, tra le mie canzoni e la marijuana
E qui dall’ultima volta sempre le stesse cose
Aprono e chiudono bar, e mett’n a ripos
Aument chi arrfus, o tropp è carstus
Fratè ma come stai? mal nun cercar scus
Solo per la strada che porta all’inferno
Vivere in eterno, si ma a quale prezzo?
Quando t’incontrai sembrava tutto bello
Ci ritrovammo a pranzo soli come un frutto acerbo
E adesso è andata come doveva andare
Chiuso nel vischio, un microfono non fa respirare
Aspetto il cielo che migliori la mia giornata
Attendo il giusto suono per una nuova puntata
Quand u’tiemp n’aspett
Vuless’ stà aller almen nu mument’
Quand u’tiemp n’aspett
Vuless’ stà aller almen nu mument’
Chissà se proprio adesso tu mi starai ascoltando
Che sei a mille miglia da dove io sto cantando
Come quelle volte che sei lontana
La tua voce nell’anima
Chissà se proprio adesso tu mi starai ascoltando
Che sei a mille miglia da dove io sto cantando
La mia mano in auto la marcia ingrana, tra le mie canzoni e la marijuana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>