Davide Van De Sfroos, El carnevaal de Schignan – Testo, traduzione e audio

El Carnevaal de Schignan di Davide Van De Sfroos è uno dei pezzi della colonna sonora di Benvenuti al Nord, il film, nelle sale da ieri, con la regia di Luca Miniero, e con Claudio Bisio e Alessandro Siani. Dopo il salto vi proponiamo l’audio e il testo (traduzione in italiano inclusa) della canzone che racconta del Carnevale di Schignano, una festa che esiste da 400 anni. Il brano è stato scritto dallo stesso Van De Sfroos e fa parte di Yanez, lo stesso disco da cui è tratta l’omonima canzone presentata l’anno scorso al Festival di Sanremo.

El Carnevaal de Schingnan – Testo

Soe questa strada soe questra strada

una cürva al giàzz una cürva al suu

L’è questa strada che la rampéga

quella dei noni e di mè neuu

Sun staa luntan per tropi ann

ho lauuraa e majà foe tücoos

e questa schena de tartarüga

soe questa strada la porti a ca’

La nocc l’è fregia la nocc l’è scüüra

ma una fiamàda la sbranerà

Mìlà büceer cume autoscontri

e anca el Zepp el brüserà

de questa sira gh’èmm pioe una lengua

gh’èmm pioe una facia

gh’èmm pioe un mestée

dumà un vestìi una buteglia

e questa maschera de lègn

 

Taca la baraunda

curianduli cuntra i pensèe

intaant che’l Brütt el dunda

el Bell fa vede’l butasc

Denaanz gh’è’l Mascheron

sübit dopo la Sigürtà

de dree i düü Sapoer

dumà la Ciocia la parlerà

ai gabul de la tua vita

te ghe penseret duman

podet mea scapàa del Carnevaal de Schignan

 

Tütt el paees el g’ha veert la porta

e ogni porta l’ha g’ha deent quajvoen

gh’è pioe urelocc gh’è pioe campana

solo bronze e petardi e s’ciopp

e questa maschera che me scuund

la tegni fissa la moli mai

L’ünica facia che g’ho l’è questa

perché quel’oltra so pioe in due l’è

 

La vedi riid l’eri spusada la paar cuntenta

la trovi bee chissà i fioe se s’iin vestii

se g’hann la maschera anca i neuu

ghe vo visén la branchi sciàa

per tri menütt la fo balàa

nissoena maschera cambia facia

anca se suta gh’è un omm che piaang

 Taca la baraunda

curianduli cuntra i pensèe

intaant che’l Brütt dunda

el Bell fa vede’l butasc

Denanz gh’è’l Mascheron

subit dopo la Segürtà

dedree i düü Sapoer

dumà la Ciocia la parlerà

ai gabul de la tua vita

te ghe penseret duman

 

Soe questa strada soe questra strada

una cürva al giàzz una cürva al suu

L’è questa strada che la rampéga

quella dei noni e di mè neuu

Turni luntan un oltru ann

vo’ a laurà e majà foe tücoos

e questa maschera intagliada

anca stasira la porti a ca’.

 

El Carnevaal de Schingnan – Testo tradotto

Su questa strada su questa strada

Una curva al ghiaccio una curva al sole

E’ questa strada che si arrampica

Quella dei nonni e dei miei nipoti

Sono stato lontano per troppi anni

Ho lavorato e ho speso tutto

E questa schiena di tartaruga

Su questa strada la porto a casa

La notte è fredda la notte è scura

Una fiammata la sbranerà

Mille bicchieri come autoscontri

E anche il Zep brucerà

E questa sera non abbiamo più una lingua

Non abbiamo più una faccia

Non abbiamo più un mestiere

Solo un vestito, una bottiglia

E questa maschera di legno

 

Comincia la baraonda

Coriandoli contro i pensieri

Intanto che il Brut ciondola

Il Bel mostra il pancione

Davanti c’è il Mascheron

Subito dopo la Sigurtà

Dietro i due Sapor

Solo la Ciocia parlerà

Ai guai della tua vita

Penserai domani

Non puoi scappare dal Carnevale di Schignano

 

Tutto il paese ha aperto la porta

E ogni porta ha dentro qualcuno

Non c’è più orologio né campana

Solo braci e petardi e scoppi

E questa maschera che mi nasconde

La tengo forte non la mollo mai

L’unico volto che ho è questo

Perché l’altro non so più dove sia

 

La vedo ridere, l’avevo sposata, e sembra contenta

La trovi bene chissà se i figli sono in maschera

Se hanno la maschera anche i nipoti

Ci vado vicino la prendo con me

Per tre minuti la faccio ballare

Nessuna maschera cambia la faccia

Anche se sotto c’è un uomo che piange

 

Comincia la baraonda

Coriandoli contro i pensieri

Intanto che il Brut ciondola

Il Bel mostra il pancione

Davanti c’è il Mascheron

Subito dopo la Sigurtà

Dietro i due Sapor

Solo la Ciocia parlerà

Ai guai della tua vita

Penserai domani

 

Su questa strada su questa strada

Una curva al ghiaccio una curva al sole

È questa strada che si arrampica

Quella dei nonni e dei miei nipoti

Sono stato lontano per troppi anni

Vado a lavorare e spendo tutto

E questa maschera intagliata

Anche questa sera la riporto a casa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>