Fabri Fibra – Trainspotting – Testo

fabri fibraÈ uscito il 7 aprile 2015, a sorpresa, Squallor, nuovo album di Fabri Fibra dal quale è tratto questo pezzo dal titolo Trainspotting.

Il disco è uscito fisicamente nei negozi il 14 aprile 2015 e contiene diverse collaborazioni come con Marracash, Gué Pequeno, Clementino, Nitro, Salmo, Gemitaiz, Madman, Lucariello, Gel e Youssoupha.

Ecco il testo di Trainspotting.

Testo – Trainspotting

Queste sostanze agiscono disorientando le funzioni cerebrali
e creando effetti sensoriali del tutto imprevedibili
Lo show è la dose che preparo
Salgo sul palco e me la sparo
Il pubblico lo scaldo
Dentro un grande cucchiaio
Strofe magiche di sicuro
Rime acide, il beat lo sfiguro
Provinciale come me
Sì ma tu non hai concluso un cazzo, com’è?
Per le Marche sono come per Detroit la Chrysler
Macchina da scrivere di getto, geyser
Eisenhower, mente militare, non ti limitare
La pace è un simbolo, il coltello a scatto
Il disco fisico, il successo astratto
Il tempo è un treno passato
Lo farò, lo sto facendo, l’ho fatto
Un vortice di tatuaggi, teschi e ossa, scheletri
Che escono, si calpestano, voi rapper nella fossa
Allucinato sul beat, metà me, metà clone
La strofa crea dipendenza, finisce, metadone
Lo show è la dose che preparo
Salgo sul palco e me la sparo
Il pubblico lo scaldo
Dentro un grande cucchiaio
Negli occhi Trainspotting
Negli occhi Trainspotting
Negli occhi Trainspotting
Trainspotting
Mi piace, non ne abuso
E’ li il punto
Allora lei mi potrebbe dire
E dov’è che finisce l’uso, eh eh….lo voleva dire eh?
Dov’è che finisce l’uso e comincia l’abuso?
Questo ambiente fa schifo eppure fotte di brutto
Quando senti le sirene, amico, butta via tutto
C’è la gelatina dentro questa rima, boing
C’è la cima dentro il bong, accendi, boing
Rime brucio, ho la metrica precisa
Mi chiamano il sarto, taglio le parole poi le ricucio
Ganja, me gusta mucho
Mi rubi il flow? Ti denuncio
Faccio paragoni strani, questa roba mi fa
Sono tossico di rap, è droga, pago la tariffa
Chickzzz il rumore della ricevuta
“Fanculo”, l’ultima parola, l’hai ricevuta?
Lo show è la dose che preparo
Salgo sul palco e me la sparo
Il pubblico lo scaldo
Dentro un grande cucchiaio
Negli occhi Trainspotting
Negli occhi Trainspotting
Negli occhi Trainspotting
Trainspotting
Ripeto, siamo sempre li, non non proibiamo l’uso
Proibiamo, cioè, noi non lottiamo contro l’uso
ma contro l’abuso
Per quanto riguarda la questione delle tasse….
Controlla o ignora
Prima o poi si ritorna ma non ora
Sono nella bolla, si decolla
C’è più fumo nel disco che a Gomorra
La gente è attaccata ai modi di dire come colla
La base è il fiume che devo risalire, Joseph Conrad
Discorsi morali, roba che poi non capisci del tutto
In questi locali, cosa? Fighe da infarto con l’antifurto
Andavo nei centri sociali, giravo le canne e guardavo le jam
I testi più belli qualcuno me li ha consigliati nella fase REM
Datemi pure del pazzo però mi sono preso il mio spazio
Nel Paese dove tutti sanno che la parola più detta è “Cazzo”
Io vorrei fare un disco all’anno, se facessi un disco all’anno
Pagherei meno tasse, è un lungo discorso
Ma dal testo al master è un lungo percorso, ragà
Ognuno ha un costo, ma dai, se vuoi cambiamo di posto, magari
Interviste ne ho fatte diverse, le domande son sempre uguali
Lo spettacolo è finto, lo avevo già detto e qui lo ripeto, fratè
La musica d’oggi è un’orgia, tutta sullo stesso piano d’hotel
Lo show è la dose che preparo
Salgo sul palco e me la sparo
Il pubblico lo scaldo
Dentro un grande cucchiaio
Negli occhi Trainspotting
Negli occhi Trainspotting
Negli occhi Trainspotting
Trainspotting
Abbiamo infine gli allucinogeni
Essi comprendono la marijuana, l’hasish,
ambedue estratti dalla canapa indiana
la mescalina e l’LSD, detto in gergo semplicemente “acido”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>