Guè Pequeno – Eravamo Re – Testo

 Vero è il terzo album in studio del rapper Guè Pequeno, dal quale è stato estratto il singolo Eravamo Re.

Questo disco da solista, parallelo agli impegni con i Club Dogo, è uscito nel giugno 2015 ed è stato distribuito dall’etichetta statunitense Def Jam Recordings.

Di seguito il testo di Eravamo Re.

Testo – Eravamo Re

(Ti ricordi quando io e te, se)
(Ti ricordi quando io e te eravamo re)
Come sei messo
non ci vediamo più tanto spesso
ma cosa diavolo ti è successo
ti ricordi quando io e te eravamo re.
Sai ti confesso che penso sempre molto a me stesso
ma non mi ha mai cambiato il successo
ti ricordi quando io e te eravamo re.
Sbocco nel cesso, non dormo sono le 6 e mezzo
non saresti tanto fiero adesso
mi dicevi non farti del male
tu sei troppo speciale
sai che mi autodistruggo
perché ho paura e fuggo.
Il tempo che abbiam perso non ritornerà
come se torni dalla tua ex non ricomincerà
resto in mezzo a questa merda
la fama, donne soldi vivo per metà
senza poter ritrovare mio papà.
Senti il mio cuore che batte se restiamo zitti
e va troppo forte non segui i miei ritmi
so che combatti e nonostante i fatti
non siamo perfetti e non riesco ad odiarti.
Abbiamo tradito, sono spartito andato un altro litro
senza un amico rido, in quella foto da bambino
in cui siamo io e te, un principe ed un re.
Come sei messa
mi dici che sei sempre depressa
con tutti quei fantasmi che hai in testa
ti ricordi quando io e te eravamo re.
Cosa ci resta, è un po’ che tu non sei più la stessa
dai scendi che fumiamo una mezza
ti ricordi quando io e te eravamo re.
Sono talmente fatto che mi annullo
guardo i conti entrare mentre aspetto un altro autunno
e intanto qua passano i mesi
son chiuso alzando pesi
e non siamo più presi
non siamo più distesi, no.
Mi fa strano pensare al tuo nuovo uomo
pensare che dicevi che io ero il poco di buono
conto i giorni fin quando ti lascerà
perdo il conto delle tipe fin quando mi passerà.
Guardo come ti vesti, te l’ho detto io
sento poi come parli, te l’ho detto io
e come lo fai godere, te l’ho insegnato io.
Penso che tutti mi odiano e che odio tutti anch’io
ora che urlo e nessuno mi sente
ora che vorrei essere un bambino per sempre
vivere senza nessuno e nulla non ci si riesce
chi ce la fa non ha paura di niente.
Come son messo, come son messo, come son messo
ti ricordi quando io e te eravamo re.
ti ricordi quando io e te,
ti ricordi quando io e te eravamo re

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>