Luché – Andrò via da qui – Testo

Andrò via da qui è un brano estratto da Malammore, nuovo e apprezzatissimo album dell’ex membro dei Co’ Sang Luché. Dopo L1 ed L2, il rapper napoletano torna con un nuovo lavoro, uscito per Roccia Music / Universal. Amore e vita di strada si intersecano nei brani, scritti in maniera esemplare e portatori sani di un suono innovativo che consacra l’artista e lo eleva al rango di star del genere nel nostro Paese.

Andrò via da qui – Testo

Via senza saluto mentre piove sull’asfalto
Ho fiducia nel futuro fra, non avrò paura a farlo
La forza del perdono mi ha quasi rasserenato
Leggo in viso che stai male, è che non ti senti amato
Fumo anche il fumo passivo candele accese in stanza
L’erba mi a fatto aggressivo e non controllo l’arroganza
Ed ho scopato chi mi amava e amato chi mi usava o consumava fino a farmi uscire la bava
Ed ho visto la morte assai vicina
Le ho detto puoi baciarmi non ho peli sulla lingua
La mia missione è la mia depressione, le dosi di litio
La delusione di un amico e la freddeza con cui reagisco
So il valore della vita e me ne fotto
Non ho scelto di vivere, ma vorrei almeno come morire
Cioè col fuoco negli occhi e il fumo che esce dalla gola
E poi andare in copertina con denti d’oro e una pistola

Se non hai quel che chiedo
Andrò via da qui
Pronta a scendere in guerra
[Verse 2: Luchè]
Se mi lasci essere forse capirai
Se mi lasci esprimere non dimenticherai
Vorrei lasciarli vivere, so non ci crederai
Ricco ad ogni costo è l’unica vendetta più del mai
Colava cenere nei suoi capelli
Negli occhi il riflesso dei suoi coltelli
Rossi dal sangue che li colora
Per scrivere sui muri della città “Non siamo solo Gomorra”
Gli hanno insegnato cos’era il crimine
Prima di cos’è giusto o sbagliato
Prima che venisse battezzato
Prima che lo cacciassero da scuola e lo tradissero
Nelle sue lenzuola, giro le spalle al Signore, perché è tutta una gran confusione
Se la Chiesa svergina i bambini e la Bibbia sta negli alberghi ad ore
Dio perdonalo come chi sbaglia la tua parola
Se morirà con in mano la mia stessa pistola

Se non hai quel che chiedo
Andrò via da qui
Pronta a scendere in guerra

Mi fraintendi perché vengo dall’Inferno ma promuovo il Paradiso
Perché non parlo bene ma so cosa dire
Perché sono estremo ma ho tanti valori
Perché rappresento quello che non devi essere
Perché sono tutto quello che non conosci
Perché qualcuno ti ha detto la vita cos’è
E tu lo hai ascoltato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>