Quello che comunemente noi chiamiamo amore – Max Pezzali testo e video ufficiale

E’ stato rilasciato, da qualche giorno, Quello che comunemente noi chiamiamo amore, il nuovo singolo di Max Pezzali. Nel video (presentato in anteprima, sabato 25 giugno ad Hitlist Italia), che accompagna l’uscita del pezzo, sono stati inseriti alcuni momenti significativi del Terraferma Tour 2011, la tournèe promozionale per l’uscita dell’ultimo album.

Dopo il salto, trovate il testo e il videoclip ufficiale diretto da Fabio Berton.

Quello che comunemente noi chiamiamo Amore
forse non è altro che un paradosso, un’illusione
qualche cosa di cui tutti hanno sempre scritto
senza veramente mai sapere come fosse fatto
Anche perché guardo fuori e fuori non ce n’è
un milione di persone però lui non c’è
universi separati con le cuffie nelle orecchie
persi in una collettiva solitudine
E se invece fosse il solo senso di essere qui
l’unica ragione per cui valga la pena di
fare tutto il viaggio e comprendere
quello che comunemente noi chiamiamo Amore
E se fosse l’unico motivo che c’è
il significato ultimo per cui vivere
fino in fondo il viaggio e comprendere
Quello che comunemente noi chiamiamo Amore
è qualche parola di una poesia o di una canzone
forse è solo un meccanismo che ci scatta dentro
solo un istinto che però chiamiamo sentimento
Come quando ti ho sentito avvicinarti a me
ed il cuore forte ha cominciato a battere
come la risata contagiosa di un bambino
come quando tutto sembra un po’ più semplice
E se invece fosse il solo senso di essere qui
l’unica ragione per cui valga la pena di
fare tutto il viaggio e comprendere
quello che comunemente noi chiamiamo Amore
E se fosse l’unico motivo che c’è
il significato ultimo per cui vivere
fino in fondo il viaggio e comprendere
quello che comunemente noi chiamiamo Amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>