Rocco Hunt – Sto bene così – Testo

Sto bene così è il titolo del nuovo singolo di Rocco Hunt, estratto da Signor Hunt – Wake Up edition. Prodotto musicalmente da Big Fish (ex Sottotono), il brano vuole essere un inno alle bellezze dell’Italia.

rocco hunt

Sto bene così – Testo

Ma dove andiamo che c’è un traffico da pazzi
se sei in costume sulla sabbia calda a piedi scalzi
le solite vecchiette maledicono i ragazzi
che col pallone per giocare non trovano spazi

Gli ombrelloni giù da noi sono condomini
ci trovi parentele assurde con nuovi cugini
fai pranzo e cena con una pizza di maccheroni
leggende narrano che dopo se fai il bagno muori

C’è il venditore ambulante coi miei cd
e chi ne parla male poi passa l’estate qui
è così strano che il turismo non esploda
quando in altri posti anche un traghetto sul laghetto va di moda

Guardo le stelle in cielo e se qualcuna brilla
penserò che pure in cielo sia riuscita a mettere una firma
è vero, non siamo perfetti, abbiamo migliaia di difett
colonizzati ma crisciut ca’ cazzimm

Vorrei svegliarmi presto la mattina
correre insieme e non sentirmi stanco
liberi e spensierati come prima
il tempo vola in queste notti in bianco

Sto bene, sto bene così
quanti difetti che c’hai terra mia
sto bene così
sto bene
sto bene così

Fammi ballare fino all’alba portami a Catania
oppure portami a Palermo andiamo au Ballarò
mi piace Lecce fore de capu le dance hall
a Bari chi non si diverte è nu trmon
Reggio Calabria il lungo mare affaccia sullo stretto
la gente è positiva e porta il mare dentro
così bella quest’Italia, non la cambierei per niente
te ne accorgi quando guardi dentro gli occhi della gente

Amo il Cilento e poi d’estate si va a Palinuro
vita selvaggia come ad agosto in Sardegna
ma ci divertiremmo pure a Varcaturo
perché non importa il posto ma una comitiva degna

A Pescara arrostici e party
Rimini e Riccione senza mai addormentarci
tra gli inciuci di quartiere e le leggende di provincia
noi cresciamo dove un sogno finisce appena incomincia

Vorrei svegliarmi presto la mattina
correre insieme e non sentirmi stanco
liberi e spensierati come prima
il tempo vola in queste notti in bianco
sto bene
sto bene così
quanti difetti che c’hai terra mia
sto bene così
sto bene
sto bene così
ato bene
sto bene

Ma sto buon accussì
i sto buon accussì
rest incantat a guarda’ ‘o ciel e m difend a terra mij
se non ci lasci non puoi mai capire davvero chi siamo senza giudicare
storie d’estate di barche lontane di vicoli antichi che portano al mare

Vorrei svegliarmi presto la mattina
liberi e spensierati come prima
sto bene
sto bene così
sto bene
sto bene così

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>