Sergio Cammariere – Transamericana – Testo e Audio

Da oggi, venerdì 4 maggio, è in rotazione radiofonica, il nuovo singolo di Sergio Cammariere, secondo estratto dall’ultimo album del cantante e pianista intitolato semplicemente Sergio Cammariere, dal titolo Transamericana. La canzone, di cui il testo è firmato da Giulio Casale, è decisamente influenzata dal sound e dai ritmi sudamericani. Dopo il salto, potrete ascoltare la canzone con il testo.

Audio

Testo

Notte che è transamericana
notte di vento e di mattana
Cuore, vorrei che non finisse mai
senti il fuoco.

Notte di ghiaccio e cuba libre
notte di luna che sorride
Vai, tu balla e non fermarti mai.

Balla e non pensare adesso agli anni che hai
ogni passo è un canto e io mi amo
e questo asfalto è una spiaggia.

Notte che è transamericana
notte che toglie la sottana
Vai, chi è solo non si perde mai.

Quando son partito non ho capito
ma son contento di tanto vento
che va a scolpire le mille rive
di quel deserto che è intorno a me.

Ho tra le mani il mio destino fatto di seta
toccherò l’oceano e un uomo nuovo diventerò.

Notte che è donna che ti chiama
notte che incontri una gitana
E ride che tu sia benedetto, man
senti il fuoco.

Notte che spazia e che profuma
notte che tutto mi accomuna
a te, fa’ di me quello che vuoi.

Ed il samba chiamò
lungo l’argine grande passò,
oltre le luci di San Diego lo rincorrerò.

Solo ero sempre da solo così triste e solitario
ma è già un ricordo ormai di tanto tempo fa.

Passo passo a ritmo inesorabile
ma naturale inebriante lo asseconderò.

Non ci pensare continua ad andare leggero,
leggero, ormai.
Se non è un qui pro quo io mi libererò.

Guarda la meta è più vicina
guarda una stella m’indovina
splende, sta’ con me fin quando puoi.

Notte che è transamericana
notte l’oceano che mi chiama a sé
fa’ di me quello che vuoi.

Samba che mi salvò
sempre grato a quel samba sarò.
Stanotte ho messo il cuore a festa e lo regalerò.

Solo, ero sempre da solo, così triste e solitario
ma è già un ricordo ormai di tanto tempo fa.

Ieri avevo un cuore inconsolabile
ma non si può spiegare il samba che m’innamorò.

Sto per finire, trovare e cantare
speranza, preghiera e poi.

Prendere fiato un po’, che tuffo che farò.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>