Izi, Fumo da solo è il nuovo singolo: TESTO

di Sveva Commenta

Di seguito ecco il nuovo singolo di Izi, intitolato Fumo da solo.

Izi – Fumo da solo | Testo

Tu sei bella a metà
Un po’ mi piaci
Un po’ devo inventarti da zero
Invitarti da me, dopo fare la notte
Così posso amarti davvero
Rollane un’altra, spero che ti piaccia larga
Almeno la passi e ti scalda
Basta, facciamo tre e passa
Cristo, smaronno di fisso e la scarpa
E ti amo, ma prima balbettavo
Solo pensavo capissi gli sguardi, chiaro?
Ma prima balbettavo
Ed ero cieco dall’astio e adesso vago
Come viaggiassi, ma nel mio spazio
Ma adesso cado, cado, vago, vago
Come quando ti guardo e mi dici “Sei strano, strano”
E sco*iamo ancora
Come scoppiare ma insieme
Peccato di gola
Un po’ tutte le sere la stessa storia
M’attacco al bicchiere
Ma solo per gloria, tranquilla
Muoio tra nebbia e le strilla
M’impiccherei con la stringa
Ma cadrei sicuro
Almeno non ho una figlia, no
No, non avrebbe futuro
Mi attacco alla mia erba che resta nel vaso
Che è tutto ciò che mi resta nel caso
Che non cambiassi, che non partissi
Uno fra tanti, forse ci riesco, come no
Tornerò da te ma da capo proprio
Come ti promisi
E morirò con te ma da capo e sobrio
E ora mi sorridi.

E ora fumo da solo
Con il vento che muove
La pioggia che cade
Che annaffia le strade
E ora fumo da solo
Cosa vuoi salvare?
Mi volevo salvare
Dovevo salvare
E ora fumo da solo
Con il vento che muove
La pioggia che cade
Che annaffia le strade
E ora fumo da solo
Cosa vuoi salvare?
Mi volevo salvare
Dovevo salvare.

E ora fumo da solo perché mi piace
Faccio un assolo da venti canne
Sì, fino a che non divento grande
Non mi ricordo chi fossi prima
Non mi ricordo perché io sono
Faccio una danza per ricordarlo
Se sto con te io ritorno buono
Senza di te io non posso farlo
Corro in un campo di solitudine
Ci sono tutti ma solo io corro
Perché sono un pazzo che resta umile
Sono un pupazzo di nevi stupide
Tu sei martello, io sono incudine
Sto in un castello da luce soffusa
Che viene, che va
E con le pareti umide
Perché le bagno con pensieri sporchi
Pensieri pesanti, pensieri del giudice
Tipo “Non faccio abbastanza per te”
Tipo “Non ci sono mai stato per mia sore'”
Tipo che odio le feste e poi fumo da solo
E mia madre persa per me
Tipo “Che ti odio”, tipo che ingoio
Tipo che il rospo salta nello stagno
E si nutre di me nel mio stomaco, ingoio
E ora fumo da solo.

E ora fumo da solo
E ora fumo da solo
E ora fumo da solo
E ora fumo da solo
E ora fumo da solo
E ora fumo da solo
E ora fumo da solo
E ora fumo da solo
E ora fumo da solo
E ora fumo da solo.

E ora fumo da solo
E ora fumo da solo
E ora fumo da solo
Con il vento che muove
La pioggia che cade
Che annaffia le strade
E ora fumo da solo
Cosa vuoi salvare?
Mi volevo salvare
Dovevo salvare
E ora fumo da solo,
Con il vento che muove
La pioggia che cade
Che annaffia le strade
E ora fumo da solo
Cosa vuoi salvare?
Mi vole’, mi vole’
Mi volevo salvare
Dovevo salvare,
Mi volevo salvare
Dovevo salvare, te
Mi volevo salvare
Dovevo salvare,
Mi volevo salvare
Dovevo salvare, te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>