Piotta, Maledetti quegli anni ’90 nuovo singolo: testo

di Ma.Ma. Commenta

Ecco il testo del nuovo singolo del Piotta, intitolato Maledetti quegli anni ’90.

 

Piotta – Maledetti quegli anni ’90: il testo

L’acqua del lago pare che è in stand-by
Uno specchio che riflette i tuoi sarai
Milioni di puntini, quadro di Monet
Milioni di impressioni tuffati con me, eh
Se i vorrei sono meno di quelli di prima
E gli avrei voluto si mettono in fila
La prospettiva ha meno campo di quella che avevi
Il grande freddo gela i desideri
Corri finché puoi, scivola sul ghiaccio
Se perdi l’equilibrio farò da atterraggio
Se affondi io ci sono afferrati al mio braccio
In ogni crepa si fa spazio un raggio
E sorgerà pure un altro sole
E arriverà pure un’altra estate
Staremo qui davanti a questo lago
E poi ci chiederemo dopo dove andiamo.

Piotta, Ma la vita nuovo singolo: testo

Avevo davanti a me più estati di quante ne avessi alle spalle
Tu eri di fronte a me col viso segnato da meno battaglie
Avevo davanti a me più estati di quante ne avessi alle spalle
Tu eri di fronte a me e maledetti quegli anni 90.

Ancora tifa per me, la mia ragazza pon pon
Il giocatore stanco ma per lei resta un goleador
Forse vecchio schermo per contare quanti like
La nebbia avvolge i laghi, tu mi avvolgi con le Lucky Strike
Dalla bocca densa, di condensa
Esce vapore dai binari, che la corsa non è persa
Corri più veloce della sabbia dentro la clessidra
Meglio tempesta che la polvere su questa vita
E tante regole che sai che penso
La legge uccide l’istintività
Nell’ordinario non mi sono mai perso
E’ il grande inganno della civiltà
E passera ancora un’altra neve
E scenderà ancora un altro inverno
Staremo qui davanti a questo lago
E domandarci dopo che facciamo.

Avevo davanti a me più estati di quante ne avessi alle spalle
Tu eri di fronte a me col viso segnato da meno battaglie
Avevo davanti a me più estati di quante ne avessi alle spalle
Tu eri di fronte a me e maledetti quegli anni 90.

Piotta – Solo per noi | Testo

Ciao come stai, fermati e guarda
È così chiaro poco prima dell’alba
E poi cadrà un’altra foglia dall’alto
E passerà un altro compleanno
Con più ricordi di quelli che abbiamo
Finché non c’è spazio e poi li cancelliamo
Finché non sappiamo neanche più chi siamo
Pronti a ritornare poi tutto daccapo.

Avevo davanti a me più estati di quante ne avessi alle spalle
Tu eri di fronte a me col viso segnato da meno battaglie
Avevo davanti a me più estati di quante ne avessi alle spalle
Tu eri di fronte a me e maledetti quegli anni 90.

E maledetti quegli anni 90
E maledetti quegli anni 90
E maledetti quegli anni 90.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>