Cor Veleno, Tutta la vita è il nuovo singolo: testo

di Sveva Commenta

Scopriamo il testo dell’ultimo singolo di Cor Veleno, intitolato Tutta la vita.

Cor Veleno – Tutta la vita | Testo

Lo spirito che suona.

Ciao, sono un foglio bianco
Fermo sopra il tuo banco
E posso portare il mondo
Dalla tua stanza fino sul palco
E se tu poi toccare il fondo
Per poi tornare abbastanza in alto
Qua c’è tutta la vita intorno
E allora io, ciao, sono un foglio bianco.

Io sono un foglio bianco
E mi scrivo quando mi passi accanto
E mi sa che non ho mai nessun rimpianto
Tranne quelli di chi scrive
Che alla fine uno vale l’altro
Li vedi ‘sti cantanti, ‘sti poeti
Farsi belli e sventolarmi
Come il primo dei rimedi
Con le armi a protestare i divieti
Ma se è la tua guerra
Con me spari più forte, baby
Io sono un foglio bianco
E a volte mi sporcano col loro fango
A volte qualcuno mi sta disegnando
E a volte così sono, così rimango
Sapere tutto non mi consola
Vedere il punto in ogni persona
Ma il primo della classe e l’ultimo banco
Restano gli stessi su un foglio bianco
Bianco.

Ciao, sono un foglio bianco
Fermo sopra il tuo banco
E posso portare il mondo
Dalla tua stanza fino sul palco
E se tu poi toccare il fondo
Per poi tornare abbastanza in alto
Qua c’è tutta la vita intorno
E allora io, ciao, sono un foglio bianco.

Ci vuole fatti tutti con lo stampo
Sulla lista dei cattivi fin dai primi calci a un Santos
Descrivo con la vita appesa a un filo
Mentre in bilico cammino fra le vittime del branco
E impara, brutto muso, che alla fine resta un buco
Dove tutti quanti hanno preso un pezzo
Ma non sono migliore di chi mettono in prigione
Tutto vero, vostro onore, lo confesso
Le parole sono piene di valore
Contro un vetro di cazzate gioco a rompere il silenzio
Le formule che cerchi, tatuate tutte quante
Sulla superficie di ogni cicatrice messa a tempo
Tempo speso senza più rimedio perché me ne frego
Se anche prego, non ritorni indietro
Questo è il peso che mi porto dietro, tutto l’alfabeto
Tutti i numeri dal giorno che io ho spinto “record”
Non puoi smettere di crescere, peccato
Però pensa a tutto quello che hai cambiato
Se il primo della classe e l’ultimo banco
Restano impressi su un foglio bianco
Bianco.

Ciao, sono un foglio bianco
Fermo sopra il tuo banco
E posso portare il mondo
Dalla tua stanza fino sul palco
E se tu poi toccare il fondo
Per poi tornare abbastanza in alto
Qua c’è tutta la vita intorno
E allora io, ciao, sono un foglio bianco.

Ad esempio io sono un foglio bianco
Se si avvicina il giorno che lei sta arrivando
E mi racconta un mondo che sta cambiando
Che lei vorrebbe avercelo il telecomando
Mi scrive perché ogni suo segreto sia intatto
Oppure mi usa per cambiarsi lo smalto
Lo sai qual è il fatto?
Che è soltanto un po’ più facile
Guardarsi l’anima su un foglio bianco.

Ciao, sono un foglio bianco
Fermo sopra il tuo banco
E posso portare il mondo
Dalla tua stanza fino sul palco
E se tu poi toccare il fondo
Per poi tornare abbastanza in alto
Qua c’è tutta la vita intorno
E allora io, ciao, sono un foglio bianco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>