La stella più fragile dell’universo, Ultimo: testo

di Sveva Commenta

Scopriamo il testo di La stella più fragile dell’universo, uno dei brani di Ultimo contenuti nell’album Peter Pan.

Che poi mi piace anche quando non parli

E canti sottovoce quei tuoi ritornelli

Mentre tra le dita rinchiudi i capelli

Comunque con te, comunque con te

Quando mi dici: Mi vedo sbagliata

Invece sei come io ti ho disegnata

Tu che rimani anche appena sei andata

Comunque con te, comunque con te

Cascare nei tuoi occhi, Ultimo: testo

Mi piacerebbe portarti in collina

Vedere il mondo come si declina

Portarti più in alto, più su delle nuvole

Tu che profumi di sogni e di fragole

Se riniziasse un’altra vita

Non chiederei che fosse infinita

Mi basterebbe sapere che esisti

Che è lo stesso il profumo che indossi

E se non mi conoscessi farei come ho fatto

Dirti che ti aspetto in un posto perfetto

Che poi io di perfetto non ho proprio niente

Divento perfetto se ti ho tra la gente

Comunque con te, comunque vada con te

Comunque vada con te

Comunque vada con te

Comunque vada con te

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>