Ligabue: “Ho avuto paura per la mia voce”

di Ma.Ma. Commenta

L’operazione alle corde vocali è andata bene ma Ligabue, intervistato da Vanity Fair, confessa di avere avuto paura. Paura di non potert tornare a cantare come un tempo. Ecco le parole del rocker che è invece tornato da poco protagonista con il nuovo album, intitolato START.

Certo che ho avuto paura di non poter tornare a cantare: se la porta dietro chiunque debba subire quel tipo di operazione. Da un lato c’è un esercito di persone a rassicurarti, “lo fanno tutti”, “non ti preoccupare”, “la voce dopo è meglio di prima”. Dall’altro ci sei tu che devi provarlo sulla tua pelle. Devi fidarti, ma la voce è il tuo strumento e quindi ti ripeti: “adesso lo vediamo come va, lo vediamo veramente

Il post intervento è stato un momento molto importante per Ligabue che dice:

La sensazione stranissima di non poter parlare. Nella prima settimana comunicavo soltanto con i tablet, e il silenzio di quei giorni non solo non me lo sono scordato, ma non mi è dispiaciuto. C’era un senso di solitudine amplificato, non brutto. Abbiamo bisogno di saper ascoltare noi stessi e gli altri, ma per riuscirci abbiamo bisogno di più tempo e di più silenzio. Quando è cominciata la rieducazione è stato il momento di vincere un po’ di resistenze e di paure. La voce non è solo una corda da far vibrare, ma è anche anima, cuore, psicologia. All’inizio il timore mi ha frenato, poi è successo quello che mi avevano promesso. Ho ritrovato il timbro di ieri e ho risentito me stesso. È incredibile, ma vero. La voce è proprio migliorata

Ti potrebbe interessare anche:

Ligabue, Quello che mi fa la guerra: testo

Polvere di Stelle, Ligabue: testo

Che Tempo Che Fa, Ligabue presenta il nuovo album: “Chiaro e essenziale”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>