Fabrizio Moro – Fermi con le mani (testo e audio)

Il nuovo singolo di Fabrizio Moro, Fermi con le mani è dedicato a Stefano Cucchi, il 31enne morto nel 2009 all’Ospedale Sandro Pertini a Roma, dopo 6 giorni dal suo arresto in circostanze ancora tutte da chiarire. Dopo il salto vi proponiamo l’audio e il testo del brano che accompagna il finale di 148 Stefano – I mostri dell’inerzia, il documentario diretto da Maurizio Cartolano e prodotto da Il fatto quotidiano e da Ambra Group, presentato con successo all’ultima edizione del Festival Internazionale del Film di Roma.

http://www.youtube.com/watch?v=GjbUWDEKPus

Fermi con le mani – Testo

Mi sveglio un mattino, Mi sveglio un mattino,
e sento che è morto un cittadino italiano,
ammazzato da altri italiani,
col tempo si negherà tutto ma questa è la storia,
questa è la storia, questa è la storia, questa è la storia.

Stefano ha lasciato la gente
a guardarsi stupita, a cercar di capire.
Un’entità giudicante ha cucito le bocche,
eseguito la sentenza e l’ha fatto morire.
E’ toccato ad ognuno di noi
ma qualcuno l’ha presa di striscio
e un uomo è morto da solo
in una stanza che puzza di piscio.
Massacrato da Tor Sapienza
a seguire fino a quando è arrivato all’udienza.
Tor Sapienza è un quartiere dove crescono i fiori
le luci, le spine, la polvere, i colori.
E girano gli uomini, girano, girano.
Girano e fanno i danni.
E’ normale, la vita è così,
per migliorarsi ci vogliono gli anni.
Ma si spezza la marcia al progresso
se lo Stato ha la testa nel cesso.

Vedi, vedi, vedi
io voglio vedere dietro le pareti.
Vedi, vedi, vedi, vedi, vedi, vedi
fermi con le mani, fermi con i piedi.
Vedi, vedi, vedi
che la verità muore nei segreti.
Vedi, vedi, vedi, vedi, vedi, vedi
fermi con le mani, fermi con i piedi.

Dimenticare, dimenticare.
Non riesco proprio a dimenticare.
Stefano non era un santo
e qualche cosa di sè la voleva cambiare.
Qualche precedente per spaccio di droga
e una vita in parte da recuperare.
Ma una sera è stato fermato, trattenuto,
perquisito per un controllo.
Gli hanno trovato un pò di fumo
e qualche sostanza che brucia il cervello.
E allora un tale ha detto:
“Vieni con noi, vieni, vieni ragazzo,
e non rispondere, fai il bravo dai,
sennò a casa ci torni col cazzo”.

Vedi, vedi, vedi
io voglio vedere dietro le pareti.
Vedi, vedi, vedi, vedi, vedi, vedi
fermi con le mani, fermi con i piedi.
Vedi, vedi, vedi
che la verità muore nei segreti.
Vedi, vedi, vedi, vedi, vedi, vedi
fermi con le mani, fermi con i piedi.

Fermi con le mani, fermi con i piedi.
Fermi con le mani, fermi con i piedi.
Fermi con le mani.

Vedi, vedi, vedi
io voglio vedere dietro le pareti.
Vedi, vedi, vedi, vedi, vedi, vedi
fermi con le mani, fermi con i piedi.
Vedi, vedi, vedi
che la verità muore nei segreti.
Vedi, vedi, vedi, vedi, vedi, vedi
fermi con le mani, fermi con i piedi.

La coscienza non dimentica, La coscienza non dimentica
La coscienza non dimentica, La coscienza non dimentica.

La coscienza non dimentica, La coscienza non dimentica
La coscienza non dimentica, La coscienza non dimentica.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>