Con il nuovo singolo Jovanotti e Benny Benassi faranno ballare l’Italia negli stadi

di Redazione Commenta

“Ti porto via con me”. Sembra quasi un omaggio a Paolo Conte e a una delle sue hit. Ma il titolo del nuovo singolo di Jovanotti, che vanta la collaborazione con il dj Benny Benassi, è tutt’altra pasta. Strizza l’occhio ai club banger Usa, in memoria del tempo che Jova ha trascorso nel ‘Nuovo Continente‘, e in più è una promessa.

Ti porto via con me – Jovanotti feat. Benny Benassi (Liryc Video)

“Ti porto via con me in questa notte fantastica, ti porto via con me, ribalteremo il mondo”.

Una delle frasi più significative del brano, accompagnato da un Liryc Video presente su YouTube da un paio di giorni, è quasi il sunto di quello che succederà quest’estate negli stadi italiani. Il Lorenzo nazionale è pronto a tornare in tour.

Tour del quale ha già annunciato le tappe e gli artisti che apriranno il suo live: spiccano i nomi de I tre allegri ragazzi morti, de Il Cile e del rapper Clementino. Ci sarà anche il già citato Benny Benassi; “Uno che guadagna più soldi di me semplicemente schiacciando un tasto play” – afferma scherzosamente Cherubini.

E’ un Jovanotti molto attento alla nuova musica italiana. Dal rap al pop, dal rock alla dance, Lorenzo fagocita ogni artista di qualità nel suo ensemble e lo porta alla ribalta, o, se preferite “Via con lui” (semicit.).

“Ti porto via con me” è il terzo singolo estratto dall’album “Backup 1987-2012”. Si tratta di una raccolta di pezzi rivisitati in chiave moderna (quando si tratta di Jovanotti trovare aggettivi calzanti al cento per cento è sempre difficile. La sua musica, in fondo, sfugge alle classificazioni come una saponetta), corroborata da tre inediti. Jovanotti suona sempre diverso ma l’energia che trasmette dal palco è unica e inimitabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>