J.P. Bimeni in tour. La passione soul africana gira l’Italia

di Daniele Pace Commenta

Un album importante, perché riporta i ritmi soul in Africa, dove in realtà sono nati, ma in realtà si è poi sviluppata tra i neri americani.

Uno dei personaggi più eclettici, passionali, artistici e strani della musica soul è J.P. Bimeni, che forse non tutti conoscono. Una vita sempre sul filo, vissuta pericolosamente, non per l’utilizzo delle droghe come per tante star, ma perché Bimeni è a rischio omicidio praticamente da sempre.

J.P. Bimeni

Nato con sangue nobile, da padre militare e madre reale, in Burundi, paese di origine, è sotto il mirino di tante fazioni avverse alla sua tribù, che tante volte hanno provato ad ucciderlo.

Un paese sconvolto dalla guerra civile, con i compagni trucidati e 41 anni vissuti pericolosamente, con tentativi di avvelenamento, sparatorie e ricoveri in ospedale per serie ferite.

Dopo l’esordio in Italia a luglio, al Porretta Soul, arrivano cinque nuove date per il grande artista, tutte a novembre: il 10 al Parco della Musica (Roma), l’11 a Sacile, il 12 al Flog (Firenze, “Musica dei Popoli”), il 16 a Mestre e il 17 a Parma. Poi volerà in Galles e Inghilterra.

Un artista incredibile

Bimeni è un artista incredibile, sia per storia personale, che per talento. Anni di gavetta vera, indipendente, nei locali di jam session, e poi spalla di grandi gruppi, prima di arrivare al successo vero. Una gavetta che ne ha costruito la bravura e la fama, lentamente ma costantemente. Tra le collaborazioni più importanti ci sono i Roots Manuva, i Noisettes, Adele, ma soprattutto Otis Redding, che è stato forse il più importante per l’artista, sia per la fama che per la spiritualità con cui ne condivideva l’arte, assieme a Marvin Gaye.

E grazie a Redding e alla sua band ufficiale, i Jezebel Sextet con cui iniziò a fare qualche live, che Bimeni è arrivato a farsi conoscere dalle case discografiche (la spagnola Tucxton Records) e quindi dal grande pubblico come uno dei grandi artisti del soul contemporaneo.

Il tour sarà tutto improntato sulla vena soul, e naturalmente ci sarà molto dell’ultimo album, Free me, che ha decretato il successo mondiale del prodigioso soulman.

Un album importante, perché riporta i ritmi soul in Africa, dove in realtà sono nati, ma in realtà si è poi sviluppata tra i neri americani. Bimeni è molto attento alla politica della sua terra, e parla del sistema predatorio delle multinazionali, e del colonialismo.

Soffre enormemente delle crudeltà a cui è sottoposta l’Africa, ma si rende conto anche delle durezze del tribalismo. Ma lui potrebbe diventare un leader per gli africani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>