New York e Nocciola, Negramaro: testo

di Sveva Commenta

Di seguito il testo di New York e Nocciola, brano firmato dai Negramaro e contenuto nel loro ultimo album, Amore Che Torni.

C’è un ponte sospeso per aria
il cuore che arriva alla gola e
sapore di bagel e nocciola la vita che passa da qui
un bruco attraversa la mela
c’è Baker in cuffia che suona
a stento è passata mezzora
la linea non passa da qui
i piedi non fanno più male e
si inseguono ormai da ore
le mani rimpiangono il sole
ti avessi portata fin qui

New York New York
stanotte tu sorprendimi
dallle mille bugie dalle solite storie
ti prego nascondimi

c’è un uomo sospeso a mezzaria
raccoglie riflessi di allora eh
su specchi incantati c’è ancora la vita che passa da qui
le strade che sanno fumare e
fin qui dice va tutto bene
non sembra eppure c’è il mare
ti avessi scordata anche qui

New York New York
è tempo di conoscersi
dammi indietro le storie le vecchie canzoni
ti prego convincimi
New York New York
stanotte tu sorprendimi
dalle mille bugie dalle solite storie
ti prego nascondimi

dammi indietro la voglia di andare
di scappare tornare restare
dalle strade che sanno fumare
ho imparato da Sergio Leone a volare
ho ricordi di un muro sul mare
o di gente spedita al mittente
se c’era una volta l’America
adesso c’è un uomo che non sogna niente

New York New York
è tempo di conoscermi
dammi indietro le storie
le vecchie canzoni
ti prego convincimi

New York New York
senti il vento che soffia ad Oriente
come raggi del sole nascente
New York New York
apri tutte le porte e finestre
lascialo entrare come hai fatto sempre
New York New York
e l’insonnia da svegliare piano
per sentire come il mondo è vicino

ma se c’era una volta l’America adesso c’è solo un miraggio lontano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>