Arrivano gli album di Biagio Antonacci e Mario Lavezzi

di Daniele Pace Commenta

Un cofanetto particolare, con un vinile da 7" a 45 giri, con alcuni brani molto rari del suo passato assieme ai Trappers e ai Camaleonti.

Arrivano due importanti album per due grandi personaggi della musica italiana. Biagio Antonacci torna nei negozi di dischi (ma esistono ancora?) il 29 novembre con un lavoro dopo il recente tour con Laura Pausini.

Per il momento abbiamo l’anticipazione del singolo Ci siamo capiti male, che sarà ascoltabile dal 15 novembre nelle radio e su internet.

Biagio Antonacci

Si tratta del quindicesimo album per il cantautore, prodotto insieme a Taketo Gohara e Placido Salamone. In studio, assieme ad Antonacci, anche il grande percussionista brasiliano Mauro Refosco, il bassista Spencer Zahn e un’orchestra. Un “cast” eccezionale, lo chiamerebbero ad Hollywood, perché voleva fare qualcosa di esaltante per la sua musica.

Il ritorno di Mario Lavezzi

Mario Lavezzi è un grande della musica italiana, che esordì nel 1969 con Il primo giorno di primavera, un brano a cui collaborò anche Mogol. Per festeggiare i 50 anni di carriera si concede un cofanetto da 58 canzoni, intitolato E la luna bussò.

Un cofanetto particolare, con un vinile da 7″ a 45 giri, con alcuni brani molto rari del suo passato assieme ai Trappers e ai Camaleonti. Poi c’è la modernità dei 3 cd i 58 brani più importanti della sua carriera, e l’inedito Canti di sirene che fu scritto insieme al grande Califano. Il Lavezzi autore, produttore, e tanto altro, si racconta con questo box intitolato ad una delle sue canzoni più famose, resa celebre dalla Bertè, e contiene le nuove versioni di grandi successi che alcune delle nostre migliori cantanti hanno interpretato. Oltre alla Bertè, i successi scritti per Anna Oxa, Lucio Dalla, Gianni Morandi, Fiorella Mannoia, Eros Ramazzotti e Emma.
Ma Lavezzi ha collaborato con i migliori, come il già citato Mogol, ma anche Battisti. Ha fondato i Trappers, i Flora Fauna, Cemento e Il Volo, e ha lavorato con i Camaleonti. Era al lavoro in studio quando Battisti registrava Il mio canto libero e altri successi, e nella sua vita ha incrociato professionalmente anche Cocciante, Mango, Carboni, lo stesso Antonacci, e Cristiano De Andrè. Un grande che ora vuole festeggiare il traguardo delle nozze d’oro con la musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>