Si è concluso ieri il Milano Latin Festival

di Redazione Commenta

Si è chiusa ieri, martedì 29 settembre, la prima edizione di Milano Latin Festival

7 settimane di kermesse, 48 giorni di festa, 11 Paesi latinoamericani omaggiati, 1 grande palco, 14 concerti di artisti di fama internazionale, insieme a prestigiose scuole di danza, grandi maestri di ballo, gruppi folklorici e noti deejay, 10 mostre fotografiche e vernissage, 4 ristoranti etnici, 7 aree degustazione, 3 piazze animate e 5 cocktail bar sono i numeri e l’anima di questa edizione.

Un grande successo, con risultati ben oltre le aspettative, per la prima edizione del Festival che con più di 100.000 visitatori ha confermato l’importanza di un appuntamento fisso in Italia dedicato alla cultura latinoamericana.

Il villaggio del Milano Latin Festival è stato un’importante lente d’ingrandimento sul mondo latino e un punto di riferimento straordinario per fasce di pubblico molto differenti tra loro e sulla carta apparentemente inconciliabili.

Un ruolo fondamentale per la riuscita di questa edizione lo ha avuto il direttore artistico Maykel Fonts, ballerino e coreografo cubano, diplomato nella scuola più famosa dell’isola (il Tropicana), artista poliedrico molto amato in Italia e di fama internazionale.

I direttori, Fabio Messerotti e Roberto Bruno, e l’organizzazione del festival hanno voluto dare spazio e voce al sentimento autentico della cultura latinoamericana tra tradizioni millenarie, trasformazione e innovazione, in uno spirito di sincera apertura e confronto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>