Mumford & Sons – Babel – Testo e traduzione

Il successo che ha caratterizzato l’esordio della band inglese Mumford & Sons è stato grande ed inaspettato. Con il loro secondo album Babel i quattro ragazzi di Londra hanno raggiunto il primo posto della classifica assoluta di Billboard, vendendo una enorme quantità di copie.

Il disco Babel dei Mumford & Sons è uscito a settembre dello scorso anno e la band ha centellinato la pubblicazione dei singoli: solo in queste ore, infatti, ne è arrivato uno nuovo ed è Babel, il brano che dà il titolo all’intero album.

Testo – Babel

‘Cause I know that time has numbered my days
And I’ll go along with everything you say
But I’ll ride home laughing, look at me now
The walls of my town, they come crumbling down

And my ears hear the call of my unborn sons
And I know their choices color all I’ve done
But I’ll explain it all to the watchman’s son,
I ain’t ever lived a year better spent in love

‘Cause I’ll know my weakness, know my voice
And I’ll believe in grace and choice
And I know perhaps my heart is farce,
But I’ll be born without a mask

Like the city that nurtured my greed and my pride,
I stretched my arms into the sky
I cry Babel! Babel! Look at me now
Then the walls of my town, they come crumbling down

You ask where will we stand in the winds that will howl,
As all we see will slip into the cloud
So come down from your mountain and stand where we’ve been,
You know our breath is weak and our body thin

Press my nose up, to the glass around your heart
I should’ve known I was weaker from the start,
You’ll build your walls and I will play my bloody part
To tear, tear them down,
Well I’m gonna tear, tear them down

‘Cause I know my weakness, know my voice,
And I’ll believe in grace and choice
And I know perhaps my heart is farce,
But I’ll be born without a mask

Traduzione

Perché so che il tempo ha numerato i miei giorni
E andrò insieme a tutto quello che dici
Ma ritornerò a casa ridendo, guardami adesso
Le mura della mia città, loro stanno iniziando a sgretolarsi

E le mie orecchie sentono la chiamata dei miei figli non ancora nati
E so che le loro scelte colorano tutto quello che ho fatto
Ma spiegherò tutto al figlio del guardiano,
Non ho mai vissuto un anno speso meglio in amore

Perché io riconoscerò la mia debolezza, conoscerò la mia voce
E io crederò nella grazia e nella scelta
So che forse il mio cuore è una farsa,
Ma nascerò senza maschera

Come la città che alimenta la mia avidità e il mio orgoglio,
Ho allungato le braccia verso il cielo
Ho gridato Babele! Babele! Guardami ora
Poi le pareti della mia città, loro hanno iniziato a sgretolarsi

Tu chiedi dove potremo stare tra i venti che ululeranno,
Come tutto ciò che vedremo, scivolarà nella nuvola
Quindi scendi dalla tua montagna e stare dove siamo stati
Sai che il nostro respiro è debole e il nostro corpo sottile

Premi il mio naso fino, al vetro intorno al tuo cuore
Avrei dovuto capire che ero più debole fin dall’inizio,
Potrai creare le tue mura e io giocherò la mia parte sanguinosa
Per strappare, abbatterle,
Beh, io sto per piangere, abbatterle

Perché io conosco la mia debolezza, conosco la mia voce,
E io credo nella grazia e nella scelta
E so che forse il mio cuore è una farsa,
Ma nascerò senza maschera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>