Sir Mick Jagger compie 70 anni – La foto storia della sua vita

di Redazione Commenta

Il 26 luglio 2013 il principe del rock compie 70 anni. Sir Mick Jagger arriva a spegnere 70 candeline al massimo della forma, come se tutti questi anni non fossero mai passati.

Energico e sensuale, geniale e sregolato, Mick Jagger mostra solo qualche ruga in più, ma non ha peso un briciolo del suo carisma trabordante che lo ha reso il rocker più famoso al mondo.

Una vita, la sua, che inizia nel lontano 1943, quando nasce, da padre insegnate e madre parrucchiera, a Dartford, in Inghilterra. Fin da subito il piccolo Mick inizia a mostrare una certa propensione per la musica: le sue prime esibizioni avvengono durante gli anni delle scuole elementari, anni in cui conosce anche il ragazzo che poi sarà l’insostituibile compagno di quella lunga avventura che sono i Rolling Stones, Keith Richards.

Un primo incontro che non mostra ancora i segni di ciò che sarà dopo. Bisognerà aspettare il 1961 perché i due si incontrino di nuovo e capiscano di avere in comune la passione per la musica. Mick vorrebbe proseguire gli studi, ma poi segue il consiglio del suo amico: abbandona la scuola e si dedica alla musica fondando con Keith la prima band musicale e iniziando a provare nello scantinato che presto prenderà il nome di Ferry Club.

È il 1962 quando al duo formato da Jagger e Richards si aggiungono Brian Jones, Bill Wyman e Charlie Watts. È un momento fondamentale della storia della musica e del rock mondiale, perché in quel momento nascono i Rolling Stones, il gruppo destinato a diventare famoso in tutto il mondo e a monopolizzare le classifiche di vendita per quasi tutti i 50 anni a venire.

Il centro di gravità dei Rolling Stones saranno sempre Mike Jagger e Keith Richards, in un rapporto di amore e odio che li porterà più di una volta a ‘lasciarsi’ per poi riprendersi. Mick scrive i testi e Keith le melodie: un connubio perfetto che diventa spettacolo sul palco, dove Mick Jagger non si risparmia e mette a frutto tutto il suo talento da front man. È un gioco da ragazzi per lui, è un animale da palcoscenico, una dote che si ha oppure no, lui ce l’ha, ma si impegna sempre di più per portarla al suo massimo espressivo.

La prima volta sul palco per i Rolling Stones è al Marquee Club di Londra, il 12 giugno del 1962.

La foto storia della vita e della carriera di Mick Jagger

La figura conturbante e ambigua di Mick Jagger, la sua voce piena e sensuale, il suo modo di muoversi sono perfetti per quegli anni, anni in cui il leit motive die giovani era sesso, droga e rock ‘n roll. E ci casca anche Mick in questo gioco, sprofondando in eccessi che portano i fondatori dei Rolling Stones all’arresto nel 1967.

È il 1969 quando muore Brian Jones, anche se ormai la sua collaborazione con i Rolling Stones era da tempo sporica. Fu comunque un duro colpo, che portò Mick a volere dare una svolta alla band. Il risultato arriverà qualche anno dopo, quando i Rolling Stones suonano per la prima volta negli States, dando inizio a uno dei periodi più prolifici della band.

Quegli anni scorrono via veloci e Mick Jagger, nonostante il successo crescente dei Rolling Stones, si sente pronto per il grande passo: abbandonare la band che lo ha reso celebre in tutto il mondo e darsi alla carriera da solista.

Il risultato sono stati tre album She’s the Boss, Cool Primitive e Wandering Spirit – ma la loro accoglienza di pubblico e critica non è stata all’altezza di quella riservata alla band al completo.

Nel 1994 Mick Jagger, infatti, decide di riprendere in mano le redini della sua band e inizia di nuovo a scrivere: nuove canzoni, nuovi album, nuovi tour riportano sulla cresta dell’onda una band che ha già abbondantemente compiuto i trent’anni.

Il resto è storia dei giorni nostri, una storia che non intende finire.

Photo credits | Getty Image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>