Sanremo 2022: il nuovo e il vecchio che hanno dato vita ad una rinascita musicale

di Nekromantik Commenta

E’ stato il Festival della rinascita, della musica d’autore, delle voci graffianti e di quelle gospel, del cantautorato, dei bouquet di fiori, dei monologhi di attrici di calibro notevole. E’ stato questo, il Festival dei grandi ritorni, di voci e di pubblico, che ha riempito il Teatro Ariston dopo l’anno in cui Il Sanremo è stato condotto a porte chiuse. E’ stato l’anno della rinascita, dal primo, all’ultimo minuto: cinque serate di gra de share, con il picco raggiunto nell’ultima serata, quando è stato registrato un ascolto pari al 73% con 6.422000 spettatori sintonizzati. La Rai, si complimenta con Amadeus, direttore artistico del Festival e conduttore, che per il terzo anno, ha portato qualità e competenza sullo scintillante palco dell’Ariston. Impeccabile, preciso, elegantissimo, e allo stesso tempo ironico, leggero e dinamico.

 

Il Festival di Sanremo 2022, ha ricevuto numerosi consensi di pubblico principalmente per questo, per il format, per la struttura, ben organizzata, di una macchina che ha lavorato a pieno ritmo per portare a casa questo importante risultato, un risultato che pari, è stato solo nel lontano 2000, quando alla conduzione del Festival ci fu Pavarotti con Fabio Fazio. Per questo Sanremo, Amadeus ha scelto di farsi affiancare da co-conduttrici diverse, attrici con un’identità precisa, netta, che hanno portato sul palco una diversità assoluta, diversità che in qualche modo, le ha accomunate tutte. Da Ornella Muti, icona del cinema italiano, promotrice della salvaguardia dell’ambiente, a Lorena Cesarini, attrice di colore, bellissima e naturale, alla giovanissima Giannetta, interprete di Don Matteo e Blanca, alla spettacolare Drusilla Foer, ironica, colta, fortissima, fino a Sabrina Ferilli, co-conduttrice della finale del Festival. Tutte donne diverse che hanno parlato di tematiche importanti: inclusione, diversità, ambiente, arte, bellezza. Solo la Ferilli, prende le distanze da questo stile, e dichiara di essere li per il suo lavoro e per delle scelte fatte nella sua vita.

Un Sanremo di gag, quelle di Fiorello in serata d’apertura, sempre accanto al suo amico Amadeus, per il terzo Festival consecutivo. Esplosioni di applausi per Cesare Cremonini, per la prima volta sul palco dell’Ariston e ancora per tutti i cantanti che hanno fatto la storia della musica italiana che hanno accompagnato le voci in gara.

Un podio, quest’anno, d’eccezione, che racchiude tre generazioni. Vince la canzone da brividi, “Brividi”, di Mahmood e Blanco, un brano di musica leggera pop, delicato e armonioso, amato dal pubblico e dalla critica. Premio Sergio Bardotti per il miglior testo a Fabrizio Moro, premio della Critica “Mia Martini” a Massimo Ranieri, il premio Sala Stampa Lucio Dalla a Gianni Morandi, mentre il premio Giancarlo Bigazzi dell’Orchestra a Gianni Morandi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>