Ceneri a Bali e pochi eredi: il testamento di Bowie

di Redazione Commenta

Il suo addio, avvenuto venti giorni fa, è stato silenzioso. Ma il lascito, sia quello economico per gli eredi che quello artistico per ...tutti i comuni mortali, è di un valore immenso.

Il 2016 è iniziato con un grave lutto nel mondo della musica. Un’icona di fama mondiale, simbolo della trasgressività e dell’innovazione, ci ha lasciato: parliamo del ‘Duca Bianco’, David Bowie.

Il suo addio, avvenuto venti giorni fa, è stato silenzioso. Ma il lascito, sia quello economico per gli eredi che quello artistico per …tutti i comuni mortali, è di un valore immenso.

Prima di morire il cantante britannico avrebbe chiesto che le sue ceneri siano disperse a Bali, in Indonesia. Nel testamento dell’artista sarebe espressa la volontà di disperdere i resti sull’isola indonesiana secondo un rituale buddista. Bowie è morto a 69 anni, dopo aver combattuto al lungo contro un tumore al fegato. Il giornale New York Post che ha diffuso la notizia ha citato un testamento depositato nel tribunale di  Manhattan.

La famiglia della star, volata in cielo a soli due giorni di distanza dall’uscita del suo ultimo disco “Blackstar”, aveva fatto muro sulle ultime volontà di Bowie, parlando solo di “una cerimonia privata”. Il cantante in passato aveva passato del tempo a Bali, e in altre località indonesiane. Dopo la sua morte, il giornale Jakarta Post aveva pubblicato delle foto di Bowie in abito tradizionale indonesiano e aveva sostenuto che l’artista aveva realizzato delle versioni in lingua indonesiana di molte sue canzoni.

Stando al New York Post, Bowie avrebbe lasciato metà del suo patrimonio, circa 100 milioni di dollari, alla moglie Iman. In questo lascito sarebbe compresa anche la loro abitazione a Soho, a New York. Interpellato dal giornale, il tribunale non ha confermato la notizia sul contenuto del testamento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>