Intervista a Raiz: il nuovo singolo TU e i progetti in cantiere

di Redazione Commenta

Qualche giorno fa è uscito TU il nuovo singolo da solista di Raiz con le produzioni di Sarah “STAR – t – UFFO” del Team hip hop di RCMUSIC e un video girato da Johnny Dama per BurriedAlive.

Di questa storia di un amore finito  e lasciato finalmente andare ma cui si ritorna, nel ricordo ormai lontano di quando “Tu eri come una regina e io ero come un re”, vi avevamo già raccontato. Oggi abbiamo invece incontrato Raiz che fa tappa  a Roma con i suoi soci Almamegretta in formazione Sanacore Dub Train e abbiamo voluto rivolgergli alcune domande sul suo percorso e sui progetti in cantiere.

Musickr: – Prima di tutto complimenti per il singolo che sta riscuotendo un’accoglienza molto buona! Come sei arrivato a queste sonorità più black? C’è un percorso attraverso il quale sei arrivato questo? Forse la collaborazione con TAYONE di qualche anno fa. Oppure si tratta di nuova, inevitabile, ispirazione di fronte a quelle che sono, senza dubbio, le sonorità del momento?

Raiz: – Con la black music ho sempre avuto a che fare sin dall’inizio della mia carriera, molti giovani rapper napoletani mi considerano uno degli iniziatori del genere in Italia e con gli Almamegretta, sebbene molto contaminata da influenze “locali”,  abbiamo sempre fatto reggae o suonato ritmi black. Oggi come solista sono più vicino ad una specie di blues mediterraneo e sicuramente la collaborazione con TAYONE e il confronto con i producer con i quali sto lavorando mi ha portato verso questo tipo di sound, per il quale la mia vocalità sembra particolarmente tagliata.

Musickr: – Mentre è appena uscito il tuo nuovo singolo da solista prosegue un lunghissimo tour che ti vede impegnato in diverse formazioni e tipologie di show: con gli Almamegretta a celebrare i vent’anni dall’uscita di “Sanacore”, in versione “Sanacore dub train”: un dj set in cui tu e gli altri fondatori della band passate la vostra musica preferita e ci improvvisate sopra con Albino “Albodub” D’amato al mixer. E, infine, nel “Passione Live Tour” un concerto dedicato alla musica napoletana con gli artisti che hanno partecipato al film di John Turturro “Passione”. Tante anime diverse che vengono fuori eppure c’è sempre un filo che le tiene insieme. Versatilità e riconoscibilità insieme. C’è chi ti preferisce in una veste piuttosto che in un’altra, ma invece si potrebbe osservare come sono abiti diversi che però sembri saper indossare tutti con estremo agio. Tu come ti poni a riguardo?

Raiz: – Mi considero un cosmopolita musicale: ho diverse identità che ho cercato di far convergere nella mia voce così da farla esprimere in diversi contesti mantenendo la sua particolarità…  Forse è più una questione di esperienza di vita personale che di tecnica che mi rende credibile in varie vesti: tra il cantante di blues e il cantante di musica napoletana (e più in generale mediterranea) ci sono reali similitudini che basta lasciar convivere.

Musickr: – E ora una domanda di cui tutti vorranno conoscere la risposta. Il singolo TU anticipa un nuovo disco, un progetto nuovissimo. Tu stesso, attraverso i social, hai parlato di un mix di black music e melodia napoletana, blues ed elettronica del Golfo.  Puoi darci qualche anticipazione su eventuali collaborazioni, produzioni musicali e uscita?

Raiz: -Sarà solo dopo la pubblicazione di diversi singoli che questo lavoro che sto facendo, il mio primo da solista dal 2010 e prodotto da D-Ross e Sarah STAR – t – UFFO, molto noti nel circuito hip hop, vedrà la luce: andiamo avanti un passo alla volta anche aiutati dalla reazione dei fans che ci ispira molto.

Nel frattempo in cantiere c’è anche un album con i miei soci ed amici di sempre Almamegretta che vedrà la band tornare verso sonorità più dub e sperimentali…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>