Iron Maiden, Steve Harris: “Il metal è esploso in tutta Europa”

di Fabio Morasca Commenta

Dopo il successo del concerto dei System of a Down, che si è tenuto a Rho, il 2 giugno scorso, con ben 40.000 spettatori, il trionfo del Gods of Metal, con il tour d’addio dei Judas Priest, seguito da altri 15.000 spettatori e il debutto italiano del festival itinerante Sonisphere che, lo scorso 25 e 26 giugno ha raccolto ben 40.000 persone all’Autodromo di Imola, non c’è dubbio che il metal sta vivendo una stagione straordinaria.

A fare il punto della situazione è anche Steve Harris, bassista e fondatore degli Iron Maiden che, sulle pagine de La repubblica, si è espresso così:

Questa esplosione del rock duro in parte si deve proprio a festival come Sonisphere, sempre pieno di giovani. E’ organizzato in tanti paesi ed è un evento fantastico. Spero si ripeta in tutta Europa anche in futuro.

Harris prova anche a spiegare perché così tanti giovani sono attratti dal rock duro:

Quando suoniamo, sentiamo la rabbia dei giovani, specie dei ragazzi in Italia, Spagna e Grecia. Trovano nella nostra musica, qualcosa che appartiene anche a loro.

Il prossimo appuntamento, di sicuro successo, sarà il Big Four, che vedrà riunirsi i Metallica, i Megadeth, gli Anthrax e gli Slayer, il prossimo 6 luglio, all’Arena di Rho.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>