Album famosi: gli anniversari del 2015 – II

di Redazione Commenta

Continua il nostro viaggio alla riscoperta degli album che nel 2015 avranno un loro importante anniversario. Vediamo quindi insieme quali dischi vale la pena ricordare in questo 2015.

  • Depeche Mode – ‘Violator’ (1990)

Fino a questo punto i Depeche Mode avevano già pubblicato sei album ma con questo disco hanno davvero raggiunto la cima. “Violator” è un vero ponte tra il loro pop più orecchiabile e quel “lato oscuro” che è sempre stato il loro marchio di fabbrica. Indimenticabili “Personal Jesus” e “Enjoy the Silence”.

  • Iron Maiden – ‘Iron Maiden’ (1980)

35 anni fa usciva una vera e propria pietra miliare per tutti i sostenitori dell’heavy metal. Gli Iron Maiden pubblicavano il loro omonimo album di debutto consacrandosi come una delle più grandi band heavy metal di sempre.

  • Black Sabbath – ‘Heaven And Hell’ (1980)

Molti pensavano che senza un frontman unico come Ozzy Osbourne, i Black Sabbath avrebbero fatto davvero fatica a riprendersi. Invece Ronnie James Dio ha dimostrato di essere un sostituto più che valido e “Heaven and Hell” ha portato nuova linfa al gruppo, venendo fuori come uno dei loro migliori album.

  • AC/DC – ‘Back In Black’ (1980)

Quest’album è ricordato come uno dei migliori lavori hard rock di tutti i tempi e arriva dopo la morte del frontman Bon Scott, cui è subentrato Brian Johnson. Un disco possente con la fantastica “Hells Bells”.

  • David Bowie – ‘Scary Monsters (And Super Creeps)’ (1980)

Dopo la sperimentale trilogia di Berlino un po’ dark (“Low, “Heroes” e “Lodger”), con “Scary Monster” Bowie sonda un terreno più luminoso, senza mai compromettere la sua cifra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>