L’Ucraina è la vincitrice dell’Eurovision Song Contest 2022

di Nekromantik Commenta

L’Ucraina è la vincitrice dell’Eurovision Song Contest: una vittoria non solo musicale. “Stefania”, è un messaggio di pace, “Stefania” è la speranza di un popolo che vuole far sentire la sua voce, “Stefania” è il cuore pulsante di un Ucraina in ginocchio, che ha ancora bisogno di sperare. Vittoria preannunciata dal profetico presidente, Volodymyr Zelensky, che in apertura della finale, ha postato un videomessaggio su Telegram, in cui invitava tutta l’Europa a sostenere l’Ucraina e la sua musica. Sulla stessa falsariga, rompono gli schemi gli ucraini della Kalush Orchestra, che alla fine dell’esibizione, lanciato il loro appello: “Per favore, aiutate l’Ucraina e Mariupol, aiutate Azovstal, ora!”.

 

Un messaggio che poteva costare la squalifica diretta al gruppo ucraino, considerato il divieto di coinvolgere la politica in un uno show come quello dell’Eurovision. Ma in realtà, il messaggio è arrivato dritto al cuore del pubblico, come un pugnale, che ha fatto sentire tutto il dolore di questo popolo, che sta cercando disperatamente di ricominciare. Una gioia preannunciata, da tutti gli Stati europei, che hanno sostenuto la Kalush Orchestra e la loro “Stefania”, una gioia che ha colorato il PalaOlimpico di Torino di tutti i colori dell’arcobaleno. Bandiere per la pace, e nazionali, sono state sventolate come se quella dell’Ucraina, fosse una vittoria comune, quella di tutto il continente Europeo.

 

L’Italia perde la sua vetta: i Maneskin, riconquistano il palco, con il loro nuovo singolo “Supermodel”, una nuova proposta rock, fresca e frizzante, che entusiasma gli animi, e che trova un ottimo riscontro nella critica che applaude la band romana vincitrice della scorsa edizione come fossero i vincitori per la seconda volta. Ovazione e pubblico in delirio anche per “Brividi” di Mahmood e Blanco, impeccabili nella loro performance, ricca di bellezza e romanticismo. Il primo in nero, il secondo in argento, due voci fuse in un’unica melodiosa armonia. Conquistano il sesto posto e perdono il podio, che viene invece conquistato dal Regno Unito e Spagna.

Uno show, quello dell’Eurovision, ricco di messaggi di Pace: dalla registrazione di “Give peace a chance” di John Lennon, a al medley di successi della cantante Laura Pausini, che ha portato sul palco un Medley dei suoi più grandi successi, fino a far cantare a tutta l’Europa “Nel blu dipinto di blu” di Domenico Modugno. Ancora un’emozionatissima Gigliola Cinquetti, ricanta “Non ho l’età” la prima canzone italiana vincitrice del Contest musicale. L’ucraina è acclamata e conquista la Vittoria. La speranza, è quella che questa sia la prima di tante.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>